Palazzo Labia – “LE ABIA O NON LE ABIA…”

 

La fama e le sorti di questo palazzo del XVII sec. affacciato sul Canal di Cannaregio potrebbe riempire un libro. Abbandonato quando i suoi ricchi proprietari, dei mercanti fuggirono a Vienna alla caduta della Repubblica, ospitò un setificio, una segheria e una scuola elementare, ma subì il danno peggiore nel 1945 quando una barca carica di munizioni vi esplose di fronte. Fortunatamente lo stupendo salone da ballo affrescato da Tiepolo che illustra la vita di Cleopatria è stato restaurato. Oggi il palazzo è di proprietà della della RAI.

Ph-GhezzoClaudio-Venezia-Canale di Canaregio

Una curiosità polpolare che giunge a noi dal Settecento racconta come una sera uno dei proprietari della famiglia Labia offrisse un sontuoso banchetto a quaranta gentiluomini, sontuoso al punto da esser consumato con posate e suppellettili d’oro. Alla fine del pranzo il proprietario si alzò, fece prendere tutto l’0ro e lo fece gettare in acqua dalla finestra che guardano il canale, esclamando boriosamente:“Le abia o non le abia, sarò sempre Labia”.

le stesse voci di popolo spiega però come sul fondo del canale fossero state stese delle reti, e come nottetempo tutto tornò nelle mani del proprietario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...