PALAZZO MOCENIGO

palazzo mocenigoPalazzo Mocenigo è un palazzo di Venezia, situato nel sestiere di Santa Croce, lungo la Salizada di San Stae. Già esistente nel ‘500, l’attuale aspetto risale probabilmente all’inizio del XVII secolo, ma non si ha alcuna notizia circa i tempi di esecuzione e non se ne conosce l’architetto.

È il 1945 quando l’ultimo esponente della famiglia, Alvise Nicolò Mocenigo, lascia in eredità al comune di Venezia l’edificio, che diventa una galleria d’arte, ancora oggi attiva, assieme agli uffici del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, aperto negli anni 1980.  Nel 1985, dopo consistenti interventi di restauro, l’appartamento Mocenigo venne aperto al pubblico come museo, senza peraltro perdere il fascino e l’atmosfera della casa vissuta.

Il palazzo si compone di cinque livelli: piano terra, mezzanino, due piani nobili e un ammezzato di sottotetto.

L’edificio ha due facciate simili, una sulla Salizada di San Stae, una sul rio: entrambe vanno segnalate perché al centro, ai piani nobili, sono aperte da due serliane sovrapposte, che conferiscono alle facciate grande eleganza di sapore rinascimentale.

Nello stesso anno venne istituito a palazzo Mocenigo il Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume: gli uffici e la biblioteca vennero ospitati nelle stanze del primo piano nobile; i depositi di tessuti e costumi, invece, nel primo mezzanino e nel soffittone. Gli altri piani del palazzo sono ancora come li aveva lasciati Alvise Nicolò Mocenigo, divisi in appartamenti e gestiti dall’Assessorato alla Casa del Comune di Venezia.

L’itinerario di visita è cosi delineato:

  • Portego: secondo la tradizionale disposizione degli interni patrizi veneziani, anche a Ca’ Mocenigo, la stanza che accoglie il visitatore al primo piano nobile, è il pòrtego, il grande salone passante che attraversa, in corrispondenza dell’androne al piano terra, l’intero corpo del palazzo. Decorato con particolare sfarzo in quanto destinato alle feste e alla vita di rappresentanza, il pòrtego è l’unica sala che pare tradire quella vocazione alla sobrietà che è invece caratteristica delle altre stanze della dimora di San Stae.
  • Salottino degli stucchi: n questo ambiente, esposti in vetrine, si possono ammirare l’abito femminile “andrienne”, del 1700-1725 circa e lo zamberlucco (vestaglia maschile da casa lunga) infantile dell’inizio del XVIII secolo.
  • Salotto Rosso: arredi, i parati carminio, i mobili e gli specchi, rendono il Salotto Rosso l’interno più fastoso e ricco di Ca’ Mocenigo.
  • Salotto Verde: sontuoso ma allo stesso tempo raccolto. Esso è senz’altro tra le più vive e meglio conservate stanze del palazzo, caratterizzato da una tapezzeria dal verde caldo e delicato.
  • Sala da pranzo Rosa: con pareti della Sala da pranzo adornate da tre preziose opere di Francesco Pavona.
  • Camera da letto: dentro la quale possiamo trovare la Madonna con bambino, San Pietro e San Giovanni Battista, di scuola belliniana e Soggetto mitologico proveniente dalla bottega di Giorgione.
  • Salotto delle Quattro stagioni. Tra il portego e la sala da pranzo si apre il Salotto delle Quattro Stagioni, così chiamato per le raffinate grisaglie che ornano le sovrapporte.
  • Sala da pranzo.
  • Biblioteca del conte Alvise Nicolò. In questo spazio adibito ad esposizioni temporanee si conclude il percorso di visita del Museo.

Si avvisano i visitatori che in occasione dei lavori di restyling, il museo resterà chiuso al pubblico a partire da martedì 15 gennaio 2013 con riapertura prevista a fine giugno 2013.

INFO:

Palazzo Mocenigo  Santa Croce 1992, 30135 Venezia   Tel +39 041 721798    info@fmcvenezia.it

COME ARRIVARE:

Da Piazzale Roma / Stazione FS Santa Lucia / Lido di Venezia: vaporetto ACTV LINEA 1 fermata San Stae.

4 risposte a “PALAZZO MOCENIGO

  1. Bellarticolo, molto utile! Stavo facendo le mie belle letture di post pre-nanna, per lasciare magari qualche commento… quando ho letto questo articolo! Grazie delle dritte!!!

  2. Non ho la pi pallida idea di come ho fatto a trovare questo sito, ma devo ammettere che questo post fantastico…! Probabilmente diventerete dei blogger famosi, se non lo siete gia’. Complimenti 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...