LA VELA AL TERZO

11102009-ph-ghezzoclaudio-vela-al-terzo_

I topi e le sampierote sono le barche tradizionali della laguna, che per secoli l’hanno attraversata per commercio e trasporto e grazie anche a queste nasce la Vela Al Terzo.

Tipica delle lagune venete, la vela la terzo è chiamata così perché le barche sono armate con una vela con l’antenna superiore fissata all’albero a circa un terzo della sua lunghezza.

Abbandonata per decenni a favore dei motori, la vela al terzo ha visto negli ultimi anni un rifiorire di associazioni di amanti delle tradizioni popolari  provvedendo ad  armare – in gergo marinaro l’attrezzare – le barche con la vela al terzo che è stata recuperata dalla tradizione più antica e riportata in vita

Il grande timone mobile (che nell’acqua bassa si deve poter sollevare) delle barche con vela al terzo funge anche da deriva.

La forma della vela non è triangolare come nelle barche a vela normali ma trapezoidale, con un lato molto alto che supera anche l’albero stesso per poter catturare meglio il vento.

Nei secoli scorsi era l’unico mezzo di propulsione nella laguna veneta oltre ai remi.  Le vele erano tutte colorate in modo diverso, per poter distinguere le varie barche anche da lontano.

In genera la vela viene sempre tenuta a sinistra dell’albero e, a seconda della direzione del vento, funziona anche appoggiata all’albero stesso. L’andatura migliore per questo tipo di vela è con il vento “al giardinetto”, cioè proveniente da poppa e spostato di circa trenta gradi, ma può tenere anche una discreta bolina, cioè con il vento quasi di fronte.

Rispetto ad altre località marine Venezia si presta molto al diporto ( grazie alla natura della sua laguna le sue acque amichevoli e con le trentaquattro isole, in gran parte abbandonate, che costituiscono ottime mete per gite di un giorno) e si possono vedere sempre più spesso delle vele colorate che, lente ma non troppo, percorrono la laguna veneziana in lungo e in largo: è un modo meraviglioso per godersi la natura nel silenzio delle barene, lontano dalla frenesia dei motori, mantenendo vive le antiche tradizioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...