Il Codega

le codega

Quando non esistevano ancora i lampioni che oggi illuminano Venezia, sparsi ovunque, la città dopo il tramonto piombava nel buio. Solo qualche cero rischiarava le immagini votive lungo i muri, i cesendeli. 

A metà del XV secolo aumentò il numero di aggressioni e venne promulgata una legge che rendeva obbligatorio l’uso del lume a chi andasse in giro passate le tre di notte.

Le persone si munivano allora di candele e candelieri, fanali e ogni sorta di lume, mentre i nobili e i ricchi avevano chi illuminava per loro il cammino: il codega, che li precedeva sorreggendo una lanterna.

La parola proviene probabilmente dal greco odegos, che significa “guida”, e in tempi più recenti, quando il “portatore di luce” non serviva più, il nome veniva dato al fattorino munito di ombrello che accoglieva gli ospiti degli alberghi durante la pioggia. Lo stesso nome era anche usato per coloro che riaccompagnavano a casa le ragazze dopo uno spettacolo. Con qualche variante di significato, il termine sopravvive ancor oggi, indicando chi si trova a far da terzo incomodo. A Venezia, chi “regge il moccolo” o “porta il lumicino”, “fa el codega”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...